Genere:
Il buio bianco – Stefano Cortese
Hai letto anche tu il libro? Lasciaci un commento…

61En3g2BvOL

Trama

“Il buio bianco” narra la storia di Demis Berardi, la pecora nera del paese. Attaccabrighe violento e irascibile, Demis, dopo essere stato espulso da scuola, vive le sue giornate diviso tra il lavoro di manovale e il cameratismo con Gillo, Marco e Bicio, gruppo di coetanei in cerca di evasione. Solo due ex compagni di classe, Berto e Sveva, la ragazza di cui Demis è innamorato, vedono in lui un animo fragile e disperato, bisognoso di comprensione e tenerezza. Ma la rabbia di questo giovane uomo «secco come un lupo, lungo, biondo, occhi di luna cattiva» ha il sopravvento: e così un giorno, insieme al suo branco di amici, Demis sarà protagonista di un atto atroce ai danni dell’amata Sveva. Un atto che lo condannerà a errare in eterno, confuso nella nebbia oscura della propria anima, «la nube al principio e alla fine del mondo».

Voce di Dario Brunetti

[soundcloud url=”https://api.soundcloud.com/tracks/573528333″ params=”color=#ff5500&auto_play=false&hide_related=false&show_comments=true&show_user=true&show_reposts=false&show_teaser=true” width=”100%” height=”166″ iframe=”true” /]

Recensione a cura di Vienna Rao

Demis Berardi e i suoi amici Gillo, Marco e Bicio trascorrono molto tempo insieme, parlando di ragazze e di altre passioni comuni. In particolare due giovani donne assumono un ruolo centrale nella vicenda: Wanda e soprattutto Sveva, Bicio è particolarmente “affezionato” a Wanda mentre Demis e gli altri a Sveva.

Inaspettatamente Demis fa una proposta particolare ai suoi amici e questi si mostrano subito d’accordo, non riflettendo minimamente sulle conseguenze, su ciò che le loro azioni potranno comportare.

L’autore descrive con meticolosità i personaggi, facendoci vivere le loro azioni e i loro pensieri. Arriveremo così a conoscerne le debolezze e i mezzi che usano per non farle trasparire, rendendoci conto che i loro comportamenti non sempre saranno etici e corretti. Nella prima parte del libro l’autore utilizza un linguaggio ricercato, successivamente diviene più crudo e volgare, facendoci così entrare in prima persona nell’animo macabro dei personaggi.

Si tratta di un elaborato attuale che, mettendo nero su bianco i dialoghi tra gruppi di “giovani maschi”, sottolinea alcune dinamiche disfunzionali e le relative conseguenze. Le domande che un lettore potrebbe porsi durante la lettura sono: i giovani di oggi riescono a immaginare le conseguenze delle proprie azioni? Provano senso di colpa?

Interessante anche come ci viene presentato l’ambiente: molte sono le descrizioni dei luoghi in cui vivono Gillo, Marco e Bicio e queste descrizioni portano il lettore a capire alcuni dei modi di essere di questi ragazzi. In particolar modo sarà una cascina a rappresentare il luogo cruciale della vicenda.

Crudo e scioccante, il romanzo sconvolgerà il lettore sia in termini comportamentali che istituzionali, soprattutto nel finale poiché descrive senza filtri la brutalità dei fatti di cronaca che accadono quotidianamente intorno a noi.

 

Dettagli

  • Genere: giallo
  • Copertina flessibile: 104 pagine
  • Editore: Robin (25 settembre 2018)
  • Collana: Biblioteca del vascello
  • Lingua: Italiano
  • ISBN-10: 8872743214
  • ISBN-13: 978-8872743218
Dello Stesso Genere...
Noir
felix77
Quanto bevono gli avvocati

Recensione a cura di Dario Brunetti Un atteso e gradito ritorno del genovese Matteo Monforte e del suo strampalato e improvvisato investigatore Martino Rebowsky che

Leggi Tutto »
Giallo
ecarta
Omicidio a Carloforte

L’odore di croissant e l’aroma del caffè gli avvolsero lo stomaco. “Come fa un uomo a iniziare la giornata senza aver fatto la colazione?” Trasse

Leggi Tutto »

Lascia un commento