Genere:
I cani del barrio. Un’indagine dell’ispettore Ferraro
In un bosco fuori città un furgone scarica un uomo imbavagliato. Due energumeni dal volto coperto riempiono di botte il malcapitato, poi lo legano a un albero. È chiaramente un’esecuzione. Ma il posto non è davvero isolato, stava passando di là, per caso, un cacciatore che riesce in qualche modo a far fuggire i criminali e a chiamare le forze dell’ordine. L’uomo che ha rischiato la morte è un pezzo grosso. Un imprenditore «etico», molto corteggiato dalla politica, che ha costruito la sua fortuna combattendo mafie e malaffare. Chi lo voleva uccidere? Il problema è che lui non lo sa. O forse non lo vuole dire. Con la solita accidia che lo contraddistingue, Ferraro ˗ obbligato da Augusto Lanza, il suo stralunato superiore ˗ si trova a indagare su un caso che lo condurrà nel ventre molle della Milano da bere, anche se è un altro il mistero che lo appassiona: una donna di origini sudamericane ha denunciato la scomparsa del figlio adolescente. Si sospettano affiliazioni a bande di latinos, gente che va in giro a marcare il territorio con la violenza, armata di machete. Ferraro seguirà così una doppia indagine, come sempre aiutato dai colleghi, vecchi e nuovi, e dai consigli della figlia Giulia, che gli fa da traghettatrice nel mondo disilluso dei ragazzi di questa generazione.
Hai letto anche tu il libro? Lasciaci un commento…

Recensione a cura di Luciana Fredella

Fabrizio Ridolfi, un noto imprenditore molto impegnato nel sociale, ha subìto un’aggressione e e forse un tentato omicidio, sventato grazie alla presenza di un cacciatore sul luogo dell’esecuzione. Nonostante la competenza del caso sia dei carabinieri, a interrogare il testimone un nuovo personaggio, Cereda, un poliziotto di cui non si conosce il ruolo. Forse membro dei Servizi o forse della Digos, Cereda vuol capire cosa davvero si nasconde dietro la vicenda dell’imprenditore poichè è convinto che Ridolfi non abbia raccontato tutto. Per farsi aiutare in quella che non sarà un’indagine ufficiale quanto piuttosto “fantasma”, Augusto Lanza che impegnato in un incontro al vertice delegherà l’ispettore Ferraro. Il nostro ispettore però non è interessato a indagare sul presunto omicidio dell’imprenditore in quanto è preso dalla scomparsa di un ragazzo di 14 anni, Carlo, denunciata dalla mamma equadoriana, preoccupata che il ragazzo non sia rientrato a casa la sera precedente. La preoccupazione maggiore dell’ispettore é che il ragazzo sia entrato a far parte di una delle gang giovanili.

Se da un lato Ferraro condurrà con malavoglia le indagini su Ridolfi, dall’altro, per riuscire a trovare il ragazzo, si troverà immerso in un mondo nuovo, quello dei social.

Non sempre i noir si avvalgono di un omicidio per descrivere una società, una perversione o un’emergenza. Le suggestioni, gli stati di ansia o la suspense ci sono e chi legge se ne accorge solo quando riprende a respirare.

I cani del Barrio è pieno di storie nelle storie, di colpi di scena senza tralasciare la vena ironica che spezza con parti molto divertenti, scene di tensione o di riflessione. È un romanzo che parla di giovani particolari, di ragazzi che vivono nelle gang ovvero che non fanno parte della criminalità organizzata, ma rappresentano gruppi di quartiere composti da “cani sciolti” che cercano di trovare una loro identità nella logica del branco mettendo in evidenza un disagio generale, soprattutto degli adulti che non riescono a capire quali siano gli strumenti per comprendere e dialogare con i ragazzi, con i propri figli. Uno degli strumenti che l’autore usa per permettere a Ferraro di entrare nel linguaggio giovanile è fornito attraverso l’aiuto della figlia che grazie alla giovane etá e ai suoi studi, sa che per cercare Carlo dovrà avvalersi dello slang comune tra i giovani quello che usano sui social. 

Chi è l’assassino? Come spesso dichiara l’autore durante le interviste, è il maggiordomo, spetta al lettore capire se sia davvero così o sia solo un modo di sviare l’attenzione

Dello Stesso Genere...
Giallo
mbaldi
Le aquile della notte

Ritroviamo Anita Bo un lunedì mattina, strappata al sonno, poco interessata all’organizzazione del suo matrimonio e anzi meravigliata che la madre voglia spendere per il

Leggi Tutto »
Noir
fmanu
La gabbia dorata

Recensione a cura di Manuela Fontenova A circa un mese dall’uscita italiana, La gabbia dorata conferma la Läckberg come una delle più brillanti scrittrici contemporanee.

Leggi Tutto »

Lascia un commento