Genere:
Ferragosto – Enrico Franceschini
Hai letto anche tu il libro? Lasciaci un commento…
618VZTrr+US

Trama

Spiagge traboccanti di turisti, mare invaso di pedalò e un caldo da scoppiare: è quasi Ferragosto sulla Riviera romagnola. Al Bagno Magnani una moglie sospetta che il marito la lasci ogni giorno da sola per raggiungere l’amante. Nel frattempo, un fotografo noto per il via vai di ragazze nel suo studio viene ritrovato assassinato in posa oscena. A investigare è Andrea Muratori detto Mura, giornalista in pensione e detective dilettante per vincere la noia, che a sessant’anni suonati si è ritirato in un capanno con il principale obiettivo di pescare, giocare a basket e ripetere vecchie storielle insieme ai “tre moschettieri”, i suoi ex compagni di scuola. Ma dietro a quelli che sembrano una banale questione di corna e un delitto a sfondo pornografico affiora un segreto che risale alla fine del fascismo: la scomparsa del tesoro che Mussolini portava con sé prima di essere catturato e giustiziato dai partigiani. Fra scaltre ballerine della Martinica, trans brasiliane dal cuore dolce, nostalgici del ventennio e sbronze di rhum (e olio di ricino), Mura si ritrova coinvolto in una corsa senza tregua per trovare la soluzione del duplice intrigo e, forse, lo scoop che potrebbe riportarlo in prima pagina. Tra commedia gialla e fantasmi del passato, Enrico Franceschini torna con una nuova avventura del Grande Lebowski romagnolo: un’indagine su un misterioso episodio della nostra storia, un viaggio erotico e dissacrante attraverso il mito nazionalpopolare dell’estate italiana.

Recensione a cura di Manuela Baldi

Enrico Franceschini ci regala la seconda avventura per Andrea Muratori, detto Mura. Il libro è dedicato a  Raoul Casadei, nato di Ferragosto e recentemente scomparso. La vicenda inizia vicino a Ferragosto e si sa che Ferragosto segna il giro di boa dell’estate. La tranquilla routine di Mura a Borgomarina, nome di fantasia per Cesenatico, è segnata dagli incontri con i suoi tre amici, i tre moschettieri, che come si sa erano quattro e quindi perfetti per descriverli. Mura, giornalista si è trovato a partire dalla prima indagine a svolgere il ruolo dell’investigatore, del resto come giornalista è abituato a cercare riscontri o prove. Ma i fatti criminali sono marginali nella storia, come in ogni buon noir, servono solo da spunto per raccontare uno spaccato di vita e società. La protagonista di questo racconto, a mio avviso, è l’amicizia che lega quattro uomini, il Mura, il Barone, il Professore, l’Ingegnere. Si conoscono dai banchi di scuola, si sono sempre visti anche quando il lavoro li teneva lontani, le battute, le prese in giro sono il loro modo di esprimere l’affetto che provano l’uno per l’altro. Sono cresciuti in un’epoca nella quale non era da maschi manifestare l’affetto in altro modo, quindi un vaffa è l’equivalente di un abbraccio. La prosa di Franceschini è sempre efficace, del resto chi lo conosce come giornalista, sa di cosa parlo.

I capitoli si susseguono con un titolo e il rimando a una canzone, la playlist è riportata alla fine e si vedrà come anche quella è nel segno del vintage. Leggere il libro con quel sottofondo musicale ha un significato diverso, provare per credere. L’indagine, o meglio le indagini, ad un certo punto si intersecheranno e consentiranno all’autore di raccontare qualcosa della Storia italiana, del tesoro di Mussolini. Fra nostalgia e nostalgici di quel tempo, avremo modo di ripercorrere alcuni avvenimenti storici, ma con leggerezza senza che mai il racconto risulti pesante o nozionistico. I personaggi che ruotano attorno a questa storia,  di cui all’inizio c’è l’elenco, sono molto diversi tra loro e permettono all’autore di parlare anche della stretta attualità, di intolleranza, di giustizia fai da te. Anche se il racconto è molto maschile, si legge però un profondo amore per le donne e un riconoscimento del loro potere … “Comandano loro: di fatto la Romagna è un matriarcato. Ma fanno in modo che gli uomini non se ne accorgano.” pensa Mura. È un libro leggero, da vacanza sotto un’ombrellone, una pergola o un albero, ma non superficiale, è ironico e smonta facendo sorridere alcuni miti tipicamente italiani.

Dettagli

  • Genere: Noir
  • Copertina flessibile: 300 pagine 
  • Editore: ‎ Rizzoli (13 luglio 2021)
  • Collana: Nero Rizzoli
  • Lingua: Italiano
  • ISBN-10:  ‎ ‎ 8817157430 
  • ISBN-13: 978- 8817157438
Dello Stesso Genere...
Giallo
gcampaner
Di punto in bianco

Recensione a cura di Gino Campaner (ginodeilibri) Di punto in bianco rappresenta il sesto romanzo della serie dedicata al commissario Rebaudengo (l’altra è dedicata al

Leggi Tutto »

Lascia un commento