Genere:
E vissero tutti feriti e contenti – Ettore Zanca

Deprecated: preg_replace(): Passing null to parameter #3 ($subject) of type array|string is deprecated in /home/gialloec/public_html/wp-includes/kses.php on line 1744

61F0cN DviL

Trama

Un padre e un figlio camminano insieme, mano nella mano. Davanti a loro, all’improvviso, appare un circo. Il direttore invita l’uomo e il bambino ad entrare, ma prima li avverte: non è un circo come tutti gli altri. Dentro il tendone, infatti, si consuma lo show della vita e dove le attrazioni sono i vizi e le virtù del genere umano. Seduti sulle poltrone, padre e figlio si ritrovano ad assistere a un susseguirsi di spettacoli che diventano storie e raccontano di equilibristi e giocolieri che si muovono tra lesioni e speranze. Dodici storie, un unico cammino. I due ne restano travolti, apprendono lezioni importanti, fino al sorprendente finale in cui i vari protagonisti dello spettacolo aiutano il padre, prossimo a compiere un gesto estremo, a ritrovare un filo perduto e forse malamente spezzato della sua esistenza. Ettore Zanca firma un caleidoscopio di suggestioni e di emozioni, ma soprattutto un viaggio appassionato nella vita, imperfetta come noi, a tratti spiazzante, altre volte commovente, ma che alla fine ti chiede soltanto di alzarti in piedi e di sorridere. Perché la speranza ha sempre un sorriso e va cercata nelle nostre singole sofferenze e preziose diversità.

 

Recensione a cura di Stefano Cassini

Ettore Zanca in questi tredici brevi racconti ci porta, usando la sapientemente la metafora del circo, alla scoperta dei sentimenti umani.

Pregi e difetti, vizi e virtù, vengono espressi da clown, giocolieri e acrobati della vita di tutti i giorni; come ogni circo che si rispetti non mancano le belve, anch’esse “usate” metaforicamente nel racconto “Mastro pregiudizio e signora presunzione”.

È un libro breve che difetta di cura, non in modo grave per la verità. Il vero problema, a mio modo di vedere, è la mancanza di linearità di una narrazione che ho trovato assai telegrafica e caratterizzata da un eccesso di punteggiatura in alcuni racconti. Peccato, perché le storie sono accattivanti e, come dice Enrico Ruggeri nella sua prefazione, ci invitano a soffermarci su chi ci passa vicino.

 

Dettagli

  • Genere: Narrativa contemporanea
  • Copertina rigida: 128 pagine
  • Editore: Ianieri (25 Settembre 2017)
  • Collana: Narrativa e romanzi
  • Lingua: Italiano
  • ISBN-10: 8894890147
  • ISBN-13: 978-8894890143
Dello Stesso Genere...
Thriller
felix77
L’uomo dei sogni

Recensione a cura di Dario Brunetti Interessante l’approdo nella casa editrice genovese Frilli di Carlo Pompili, che dopo i due romanzi Il potere e La

Leggi Tutto »
Narrativa
rrusso
Bucolica

“È assurdo immaginare una regola per cosa si dovrebbe e per cosa non si dovrebbe leggere. Bisognerebbe leggere tutto. Più della metà della cultura moderna

Leggi Tutto »

Lascia un commento