Genere:
Dove volano gli asini
Donne e uomini venuti al mondo come margherite si alternano a bambini mangiati da una iena iena iena. È con l’occhio della giornalista e la fantasia della scrittrice, che l’autrice cuce emozioni, allucinazioni e fatti. Superando ogni regola. Partendo dalla sua esperienza personale – l’inaugurazione di una scuola in Africa, con relativo concerto di buon auspicio – trasforma la realtà in un gioco d’immaginazione, dove il sole cade come fosse un mandarino e l’Etiopia si popola di asini che volano e frati che pregano. Le foto in appendice sono la prova di un viaggio, che è diventato qualcos’altro. Il lettore potrà sfogliarle per documentarsi, oppure provare ad accoppiare uno scatto ad una pagina. Alla fine resterà una domanda: aveva ragione Carlo, lo steward di bordo? La storia raccontata sembra rispecchiare le sue parole sibilline.
Hai letto anche tu il libro? Lasciaci un commento…

Ci sono libri che colpiscono per qualche motivo nonostante parlino di continenti lontani e vite nelle quali è difficile immedesimarsi, questo è quello che mi è accaduto leggendo Dove volano gli asini, libro d’esordio di Federica Fusco.

Ho trovato la storia interessante e coinvolgente fin dalle prime pagine grazie allo stile di scrittura semplice e fluido utilizzato dall’autrice. La scelta di mescolare fantasia e realtà, cronaca e letteratura in un libro di poco più di cento pagine è stata una prova vincente che ha reso la lettura scorrevole e originale.

Dove volano gli asini è un libro che non racconta grandi eventi o grandi avventure; è la testimonianza di un viaggio in Africa durato dieci giorni, pochi ma sufficienti per imprimere nella mente sapori, odori ed emozioni difficili da dimenticare.

Quello intrapreso dall’autrice è stato un viaggio verso una terra lontana, sconosciuta, a tratti pericolosa, per inaugurare una scuola nel piccolo villaggio di Agamsa in Etiopia. Si parla di Addis Abeba, del modo di vivere della gente del posto, delle superstizioni e credenze popolari lontane dal nostro modo di vedere gli accadimenti di ogni giorno. La scuola in questo contesto è un edificio bianco e blu che rompe la monotonia del paesaggio, un ponte tra miseria e speranza. Sono luoghi difficili da trovare su una cartina ma di cui si è parlato grazie alla raccolta fondi intrapresa dall’associazione “Progetto Etiopia Onlus-Lanciano” nata nel 2009 che ha come obiettivo l’alfabetizzazione dei paesi più poveri. Attraverso le pagine che scorrono conosciamo alcuni termini nuovi: il Bastoss, un unguento per alleviare la febbre malarica e allontanare gli spiriti, l’Injera, una crêpes spugnosa, e poi ancora notizie sulle piantagioni del falso banano e del caffè.

Attraverso questo libro ho avuto il piacere di leggere un racconto ricco di emozioni, a tratti inverosimile, che dona speranza visti i temi affrontati: la scuola quale agenzia di formazione permette di ripartire da zero e di rendere meno malinconici anche quei territori di cui si parla troppo poco.

 

Dello Stesso Genere...
Prisma – Gianluca Morozzi

Trama In un vicoletto pressoché invisibile nel centro di Bologna, Vilo Vulcano mantiene in vita l’attività di famiglia: una libreria dalla scarsa clientela, ma ben

Leggi Tutto »

Una risposta

Lascia un commento