Genere:
Distruggete Israele – Vito Introna
Hai letto anche tu il libro? Lasciaci un commento…

51ChlblN4LL (1).jpg

 

Recensione a cura di Alessandro Noseda

Vito Introna è uno scrittore decisamente versatile e prolifico. Cambia stile e argomento con estrema facilità e naturalezza. Sapevo che era un’ottima penna e quando mi ha proposto di leggere e recensire “Distruggete Israele” non ho saputo dirgli di no, incuriosito anche dal titolo che poi, ho scoperto, centrare poco o nulla col tema trattato. Di certo incuriosisce e, probabilmente, invoglia la scelta in libreria per capire di che parla.

Scrivere un romanzo distopico ai giorni nostri è impresa difficilissima. Ci si confronta coi maestri del genere che vivendo la crisi materiale e di valori del secondo dopoguerra seppero donarci opere capaci di farci comprendere la fragilità della mente umana e la strategica importanza della manipolazione della comunicazione.

Il libro, che si legge in uno/due giorni al massimo, è un viaggio lisergico in un’epoca futura, condizionata da forze avversarie che dominano il pianeta e confliggono tra loro con il solo scopo di soggiogare il globo. In questo scenario infernale fatto di morte, inquinamento, assenza di prospettive future e fake news, dove le uniche vie di sopravvivenza sembrano costituite dalle sette religiose o dall’obnubilamento da droghe e alcool, si muovono pochi ribelli ancora capaci di pensare autonomamente, non “formattati”, desiderosi di comprendere la verità dei fatti e di creare un mondo migliore.

Leggere oggi le pagine di Introna alla luce di quanto sta accadendo sotto i nostri occhi, lascia basiti: è come se avesse avuto una visione drammaticamente profetica del futuro.

A una critica feroce dei regimi totalitari, dei mass media e dei sistemi di controllo delle masse attraverso la (dis)informazione, l’indigenza e l’assenza di valori etici/morali si aggiunge la condanna feroce della politica, intesa nella sua forma più abietta come strumento di dominio, arricchimento e sopraffazione del più debole.

Spero che questo romanzo, politicamente schierato e visionario, scuota le coscienze e inviti a informarsi, studiare e riflettere.

Consigliato.

Trama

Anno 2046. Josè Vincze è un diciannovenne orfano di guerra. Cresciuto in un orfanotrofio statale del nord Italia, sa che i suoi genitori sono morti nella guerra del 2029-2031, combattuta tra UE e USA contro la Russia, la Cina e alcuni paesi islamici. Educato fin da bambino a odiare i nemici, si rivela un brillante studente, al punto da conseguire il diploma di maturità col punteggio più alto dell’istituto. Dopo il diploma Josè viene mandato a lavorare dal Ministero della Famiglia presso una testata giornalistica governativa, la “World Brothers”, sotto la supervisione del suo tutor e capo-redattore Alex. Presto Josè si accorgerà di come stampa e media siano interamente imbavagliati e l’incontro con Erika, vedova di un noto blogger antigovernativo, lo renderà più consapevole della corruzione e dello squallore dilagante. La perdita del lavoro lo costringerà ad arruolarsi nella “Retta congrega”, un ente umanitario diffuso in tutto il mondo e con sede principale a Gerusalemme. Fra sesso, abuso di alcol, incontri spiacevoli e maldestri attacchi terroristici, capirà che proprio a Gerusalemme si sta scatenando un orrore di proporzioni planetarie.

Dettagli prodotto

 

  • Copertina flessibile:175 pagine
  • Genere: Narrativa
  • Editore: Cavinato (1 gennaio 2015)
  • Lingua:Italiano
  • ISBN-10:8869821013
  • ISBN-13:978-8869821011

 

Dello Stesso Genere...
Noir
etodaro
Una mattina come questa

Ormai, dobbiamo considerare Lorenzo Scano tra gli scrittori, che dalla Sardegna ci fanno capire cosa deve essere il noir. Avevamo già intuito, leggendo “Hinterland “

Leggi Tutto »

Lascia un commento