Genere:
Bucolica
Lyrae è l’istitutrice del tempo, racchiuso in un occhio di drago, e ha il compito di fare della Landa del divenire incerto una città felice. Perciò gli abitanti svolgono compiti differenti: gli equilibristi camminano su un filo per garantire la stabilità, gli agricoltori curano la terra, l’architetto crea feritoie per il passaggio dell’acqua, i mimi sono conoscitori di se stessi e dello spirito di ogni cosa. In questo modo la Landa diventa una città, che viene chiamata Bucolica, dove tutto scorre in piena armonia. Fino al giorno in cui da uno strano fungo spunta Arturo e tutto si ribalta. Bucolica è un viaggio simbolico, un invito ad avere cura di sé, della natura e di tutto ciò che ci circonda.
Hai letto anche tu il libro? Lasciaci un commento…

“È assurdo immaginare una regola per cosa si dovrebbe e per cosa non si dovrebbe leggere. Bisognerebbe leggere tutto. Più della metà della cultura moderna dipende da ciò che non si dovrebbe leggere.”

 Inizio da questo splendido aforisma di Oscar Wilde per parlarvi di Bucolica, opera prima della giovane e sorprendente Germana Ferlito. Bucolica è una landa dove gli abitanti vivono la loro esistenza in armonia con sé stessi e con la natura. La protagonista è Lyrae, dolce fanciulla spinta dalla curiosità di scoprire il mondo che la circonda. Capirà ben presto che a Bucolica ognuno ha un proprio ruolo, il quale consente alla landa di trasformarsi in una città perfettamente armoniosa. Gli equilibristi camminano su un filo per garantire la stabilità, gli agricoltori curano amorevolmente la terra, l’architetto studia e crea passaggi per far scorrere l’acqua, i mimi, figure che ho apprezzato particolarmente, sono conoscitori di sé stessi e di ogni cosa;

  • Sei un Mimo perché ti piace esserlo o  perché mimare la sola cosa che sai fare?
  • Voglio solo mostrare l’essenza degli alberi, dei fiori e di ogni altra cosa della quale riprendo la forma e l’aspetto. Agli occhi altrui voglio far vedere ciò che ognuno custodisce dentro.

E poi c’è il profeta, personaggio chiave di tutta la narrazione, sempre pronto a impartire saggi consigli a Lyrae;

Quel che sarà, lo sapremo vivendo. Mutamenti ne sono avvenuti e siamo noi che li abbiamo apportati. Altri ancora ne dovremo accettare con l’intelligenza racchiusa in ognuno, toccherò a noi mettere in atto ciò che abbiamo imparato.

Un giorno però, l’equilibrio della Landa viene stravolto dall’arrivo di Arturo, un fungo parlante, che metterà tutto in discussione, stravolgendo irrimediabilmente l’assetto felice di Bucolica. L’armonia, l’idillio e la felicità esistente verranno spazzate senza pietà, a causa di vizi fino allora sconosciuti, vizi che Arturo porta con sé dalla città in cui viveva.

Bucolica è un viaggio introspettivo, a volte onirico, che induce il lettore a riflettere su diversi temi. Il linguaggio è raffinato e allo stesso tempo scorrevole. Interessanti, poi, sono i  vari riferimenti letterari e culturali, a partire dal titolo che si rifà alle Bucoliche di Virgilio, per proseguire con gli spunti di natura psicologica e filosofica. Un testo che rimanda a capolavori letterari come Il Piccolo Principe, o cinematografici del calibro de Il Pianeta Verde. Concludo ricollegandomi alla massima di Wilde: bisognerebbe leggere tutto. Pertanto ringrazio Germana per avermi permesso, attraverso la sua scrittura, di scoprire un genere, il fantastico, che prima di Bucolica conoscevo pochissimo. Complimenti. 

 

Dello Stesso Genere...
Giallo
felix77
Genova. Indagine sotto le bombe

Recensione a cura di Dario Brunetti Quinto romanzo della nuova e fortunata serie dedicata al commissario Boccadoro dal titolo Genova. Indagine sotto le bombe uscito

Leggi Tutto »

Lascia un commento