Genere:
Balfolk killer — Franco Busato
Hai letto anche tu il libro? Lasciaci un commento…

710iqSM6o2L

Trama

Capodanno duemiladiciotto. Allo scoccare della mezzanotte, sotto il bagliore dei fuochi d’artificio, una donna viene uccisa nel parcheggio della stazione ferroviaria della Bovisa a Milano. Solo Molina, l’ex bibliotecario protagonista del caso del Delitto a Villa Arconati, si trova suo malgrado coinvolto: la vittima era una sua amica. Molina promette a se stesso che scoprirà chi l’ha uccisa. Con le sue intuizioni, le sue amicizie improbabili e i suoi estrosi suggerimenti anonimi, anche questa volta aiuterà la polizia a dipanare la matassa di questa storia ambientata nel mondo del ballo folk milanese, tra locali da ballo, corsi di danza, musicisti e canzoni folk: una colonna sonora reale coinvolgente come il romanzo. Un libro da leggere e danzare.

Voce di Paola Varalli

[bandcamp width=100% height=120 track=1339443208 size=large bgcol=ffffff linkcol=0687f5 tracklist=false artwork=small]

Recensione a cura di Paola Varalli

Solo Molina è uno strano detective. Inanella spesso aggettivi, oppure sinonimi, o ancora avverbi nel suo discorso, ma sempre nel numero di tre: “Capisco il suo stato d’animo, la sua angoscia, la sua afflizione…” oppure: “Io sono colui che la guiderà nell’incanto, nella soavità, nella piacevolezza della musica folk”. Questa caratteristica ce lo rende molto riconoscibile nei dialoghi e nel rapporto con gli altri “attori” della storia.

Stranezze lessicali a parte, Solo Molina è un personaggio multi sfaccettato, dalle mille risorse: lo cercano in tanti, per questo motivo conduce un’esistenza da fuggiasco e vive guardingo. Ha imparato a diventare invisibile, quando serve. Ha un gatto certosino e chiama “zio” l’albero di tiglio sotto casa.

Non fraintendiamo… non è matto, anzi, ha una mente sottile, incline alla speculazione. Diciamo che pur essendo un uomo molto particolare, non privo di fascino, al momento giusto sa cosa fare e sa a chi rivolgersi.

Molto interessante questo secondo lavoro di Franco Busato, che ci confeziona un noir dal sapore tutto milanese, che occhieggia all’hard boiled solo per il personaggio di Molina (che vedrei bene con un impermeabile alla Humphrey Bogart) ma che ha tutta la struttura del giallo classico, indagine, commissaria di polizia, ispettori, scientifica…

Co-protagonista una Milano by night, con i circoli Arci in cui si balla folk.

L’autore ha una scrittura chiara, a tratti ironica, con ritmo, spunti ben dosati e colpi di scena accattivanti. L’uso della terza persona e del tempo passato consentono un quadro d’insieme delle vicende, senza per forza dover restare attaccati al protagonista per tutta la storia, a tutto vantaggio dei salti di luogo e di tempo.

In conclusione, un giallo ben scritto, molto godibile e assolutamente consigliato.

Dettagli

  • Genere: Giallo
  • Copertina flessibile: 240 pagine
  • Editore: Eclissi (1° marzo 2018)
  • Collana: I Dingo
  • Lingua: Italiano
  • ISBN-10: 8899505330
  • ISBN-13: 978-8899505332
Dello Stesso Genere...
Giallo
gmorozzi
Andromeda

Perdonatemi, so bene come è strutturata una recensione. Quali cose vanno esposte prima e quali dopo. Questa volta voglio partire dal fondo, dalle mie considerazioni

Leggi Tutto »

Lascia un commento