Genere:
Bad Panda. L’istinto del lupo
Agatino M., ispettore, sessantenne e sovrappeso, di un piccolo commissariato della periferia milanese, con un passato ambiguo e violento nelle Forze Speciali militari e con qualche problema di equilibrio mentale, si trova a dover districare un caso di omicidio di una giovane donna, all’apparenza semplice e lineare. Il percorso investigativo lo porterà invece a esplorare realtà parallele, rette da regole aliene e spietate, che lo metteranno di fronte a una scelta senza possibilità di ritorno. Assieme a una banda di spostati, ricercati, violenti mercenari a cavallo tra la periferia milanese e i deserti americani, Agatino percorrerà un viaggio di formazione fuori tempo massimo, che lo costringerà ad affrontare finalmente se stesso, il suo passato, i suoi fantasmi e la sua natura. Ambientata e calata nel recente presente, l’odissea di questo piccolo ispettore siciliano, detto anche Bad Panda, attraversa la Milano di oggi solcando le sue ferite aperte, mettendone a nudo ipocrisie e violenza, e l’ineluttabilità del suo destino. L’orrore delle scelte senza ritorno segnerà la sua storia in un modo totalmente imprevisto e imprevedibile.
Hai letto anche tu il libro? Lasciaci un commento…

Recensione a cura di Adriana Rezzonico

…”Quand’era piccolo e viveva in Sicilia, sopra Patti, nelle giornate serene si appoggiava al grande castagno fuori dalla casa dei nonni e guardava Vulcano cambiare umore”.

Ora invece non può più godere di quell’immensa vegetazione e anche nella vita spesso il suo umore vacilla: oscilla tra una ferocia selvaggia e l’apparente routine del Commissariato. Il suo temperamento è legato al flusso delle maree. La sua terra gli ha donato la tenacia del mare in tempesta e la forza prorompente del magma. I suoi pensieri sono lapilli roventi.

Ho incontrato questa nuova voce letteraria a una presentazione, consigliata da una libraia che conosce la mia sensibilità, non avevo letto niente di questo autore. Mi sono preclusa anche la lettura anticipata di recensioni e interviste, non volevo essere condizionata. L’autore rivolge la sua attenzione ad Agatino, il suo protagonista  (Morelli, per la precisione) e fa incetta di emozioni. Agatino ha conservato anche l’intercalare siculo che lo rende ancora più vivo nei suoi dialoghi e che guida la mia immaginazione verso la puntata di uno sceneggiato televisivo. Lo vedrei volentieri trasposto in una serie molto in voga.

In un pomeriggio afoso milanese viene rinvenuto un cadavere in un container e lo spettacolo è decisamente cruento. E’ ormai in avanzato stato di decomposizione e spetta a lui, Agatino, accendere i riflettori su questa macabra scoperta.

La complessa e sfibrante indagine lo porta a Bogdan, ma chi è e che ruolo ricopre? Che cos’è quel malessere diffuso che accompagna il protagonista sin dalla sua infanzia e che lo tormenta tuttora? Un nuovo modo, insolito, ben congegnato, a mio avviso, e ben riuscito di raccontare Milano, la sua periferia e la società odierna. Un viaggio affascinante nella giungla di cemento meneghina per chi ama addentrarsi nella psiche o per chi più semplicemente vuole scoprire una nuova penna.

Fate attenzione! Il lupo vi osserva, vi scruta anche da lontano, ora tocca a voi lettori.

Dello Stesso Genere...
Giallo
ecarta
Omicidio a Carloforte

L’odore di croissant e l’aroma del caffè gli avvolsero lo stomaco. “Come fa un uomo a iniziare la giornata senza aver fatto la colazione?” Trasse

Leggi Tutto »
Giallo
etodaro
Alla vecchia maniera

Essere edito da Mondadori all’interno della serie “ Il giallo Mondadori “ è cosa decisamente di prestigio. Roversi, nella sua, ormai, lunga  produzione è partito

Leggi Tutto »

Lascia un commento