Genere:
9, la rabbia del rivale – Domenico Notari
Hai letto anche tu il libro? Lasciaci un commento…

716CkTjaaML

 

Recensione a cura di Adriana Rezzonico

I reggimenti di fanteria del Molise e dell’Aquila, rispettando un invisibile disegno, si dispongono lentamente lungo linee immaginarie.

Mi addentro con questa frase in uno dei romanzi più affascinanti che ho avuto il piacere di leggere ultimamente. La magia scorre sotto i miei occhi. L’autore riveste la preziosa tavola: velluti, broccati e tessuti pregiati danno il giusto tono a questo noir storico in una Napoli del 1976. L’architetto Mario Gioffredo è all’apice della sua carriera e molto invidiato. La penna dell’autore verga la carta con eleganza, usa una scrittura eccelsa, attinge nozioni storiche da una città ricca di fascino quale Napoli e circonda il lettore di rara bellezza. La reggia di Caserta, la maestosa eleganza di Palazzo Doria d’Angri, imponenti architetture che suggestionano. Un viaggio che Notari intraprende per far luce sulla scomparsa misteriosa dei disegni del dimenticato architetto Gioffredo. Nasce così la figura di Donnarumma, ci si smarrisce volentieri tra le descrizioni a ritroso. L’autore trasferisce le sue competenze professionali (è architetto) in un periodo storico definito, mostrandoci l’eleganza di alcuni edifici d’epoca. Incontriamo personaggi come Canevari, chiamato a progettare la reggia di Capodimonte, che preferisce non esporsi con il popolo che non lo ama, anzi lo odia. Oppure Carasale che con movenze eleganti, ammirato a corte, è l’artefice del teatro San Carlo, il più grande d’Europa, e gode di una fama prestigiosa.

Sono gli intrecci di queste indoli geniali che fanno insorgere rivalità e una rabbia repressa che cova lentamente e che viene alimentata dallo sfarzo di Corte. Gli eccessi del re, l’enorme smania di potere e l’arte che scalpita ovunque cercando di imporsi tra cospirazioni e screzi. Il livore non viene arginato ma smorzato dalle scene di vita quotidiana: resto affascinata dalla descrizione de “Lo pilo”, un trucco tipicamente partenopeo. Un equilibrio perfetto che l’autore gestisce tra le nozioni storiche e la narrazione fluida, mai appesantita, ricca di fascino: il nostro sapere ne esce rafforzato, scopriremo scorci rari ammantati di mistero.

Sono scatti nitidi, fotogrammi di vita, vascelli che solcano le acque del Golfo, barili di polvere e la vista mozzafiato di Castel dell’Ovo a farmi immedesimare nella trama. Un tripudio di anime a cui non mi sottraggo, una scialuppa che mi traghetta in una sorta di Paradiso. Donnarumma ricopre un ruolo fondamentale, la brezza che dal mare raggiunge i vicoli di una Napoli borbonica, allieta la lettura e spira con il profumo dei fiori di gelsomino, distendendo l’ira dei cittadini. Una collera inutile, esternata solo per leggerezza da un popolo senza carattere, cita l’autore. Una Napoli che si atteggia come una vajassa, una meretrice perennemente in vendita. Un dipinto perfetto che l’autore si prodiga a regalarci, un incedere della storia nelle increspature dei sentimenti in continua mutazione, come le maree.
Voce di Roberto Roganti

[bandcamp width=100% height=120 track=3282203210 size=large bgcol=ffffff linkcol=0687f5 tracklist=false artwork=small]

 

Trama

 Napoli, 1976. In un clima claustrofobico in cui si sovrappongono violenza e ideologia politica estremista, il giovane Silvestro Donnarumma decide di partecipare al concorso per assistente ordinario presso la Facoltà di Architettura. Da cane sciolto qual è, intraprende una ricerca sull’architetto settecentesco Mario Gioffredo, prima famoso e poi dimenticato in seguito alla misteriosa scomparsa dei suoi disegni. Tra questi, quello della reggia di Caserta, attribuita ingiustamente al suo nemico, Luigi Vanvitelli. La ricerca diventa un vero e proprio romanzo che suscita le ire del professor Scarpati, il quale estromette il giovane. Questi decide di vendicarsi, elaborando un piano astuto che coinvolge il fantasma di E. A. Mario e un sedicente gruppo eversivo. Vent’anni dopo, Donnarumma svelerà il mistero dei disegni scomparsi.

 

Dettagli

  • Genere: Noir storico.
  • Copertina flessibile:240 pagine
  • Editore:Castelvecchi (31 luglio 2018)
  • Collana:Emersioni
  • Lingua:Italiano
  • ISBN-10:8832822342
  • ISBN-13:978-8832822342
Dello Stesso Genere...
Noir
etodaro
Estate nera

La prima cosa a cui obbligatoriamente non ci si può sottrarre è salutare con entusiasmo la nascita di POLAR incontro tra la casa editrice BookTribue

Leggi Tutto »
Noir
etodaro
Fragranze di morte

RECENSIONE a cura di Edoardo Todaro Da qualche tempo, quanto proviene dal Sol Levante sta destando attenzione ed interesse nei lettori italiani. Non mi riferisco,

Leggi Tutto »

Lascia un commento